venerdì 28 marzo 2014

L'intervista al quinto giovane conferenziere di Young Doctors for Science

Alzi la mano chi non ha mai visto un film sui robot, dagli scenari più improbabili, chiedendosi se un giorno l'immaginario possa diventare realtà.

Beh, forse i film delle volte esagerano un po', ma se ci guardiamo attorno la robotica ormai è entrata a far parte della vita quotidiana di tutti noi, anche se non ce ne accorgiamo. Io per esempio ho preso uno di quei piccoli "mostri" che aiutano nelle pulizie dei pavimenti...perché con un bimbo piccolo il tempo non è mai abbastanza!

Adele Castellani Tarabini, quinta relatrice e giovane conferenziera per Young Doctors for Science 3 ci porta proprio nel mondo della robotica. Mercoledì 2 Aprile, ore 21, al Civico Planetario "F. Martino" di Modena Adele ci parlerà di come la robotica si ispiri moltissimo all'uomo e al regno animale, oltre a chiarirci le idee sulle numerose applicazioni di questa scienza in rapidissimo sviluppo.
Per conoscere meglio l'argomento del prossimo appuntamento abbiamo intervistato Adele che ci ha regalato alcune interessanti anticipazioni sul suo intervento di mercoledì.

Se pensate che i robot conquisteranno la Terra a discapito dell'uomo, non aspettate e ascoltate cosa ci ha raccontato Adele... e venite numerosi mercoledì prossimo per il quinto appuntamento di #ydfs3: sarete rassicurati e rimarrete piacevolmente sorpresi!



Adele Castellani Tarabini studia Informatica all'Università di Modena e Reggio Emilia quando si imbatte, quasi casualmente, in quello che scoprirà ben presto essere la sua più grande passione: la robotica educativa. Mentre prosegue i suoi studi si avvicina a questo mondo facendo laboratori di robotica per bambini e ragazzi. Il momento della laurea si avvicina...che fare durante la tesi? Dubbio che affligge molti universitari, ma Adele ha una idea ben precisa, e sicuramente fuori dagli standard: una tesi di ricerca sulla robotica educativa e la sua utilità nella scuola primaria. Non contenta progetta, implementa e testa il software, ed ovviamente il robot, da utilizzare con i bambini durante lo stage presso le classi seconde del settimo circolo didattico di Modena.
Se siete curiosi di conoscere il tipo di robot progettato da Adele potete leggere l'abstract della sua tesi. Se poi la questione vi appassiona siamo sicuri che Adele sarà felicissima di darvi qualche altra informazione mercoledì prossimo, 2 Aprile, al termine della sua conferenza. 
Per inco.Scienza e il progetto Young Doctors for Science Adele mette a disposizione del gruppo la sua passione e le sue conoscenze per l'informatica e la grafica. Sito, locandine e tutte le immagini pubblicitarie dell'associazione sono proprio sue creazioni.
Che altro dire di lei? Adora gli animali e in particolare le scimmie. Appassionata di fotografia, viaggi e teatro...vi sembra di averla vista al Teatro Storchi durante il Via Festival 2008 ne L'inferno di Romeo Castellucci? Ebbene si, era proprio lei.

Inco.Scienza e #ydfs3 vi aspetta mercoledì 2 Aprile ore 21, con ingresso gratuito al Civico Planetario F.Martino di Modena oppure su Twitter seguendo @inco_scienza e l'hastag #ydfs3.

Non mancate, vi aspettiamo numerosi!



venerdì 21 marzo 2014

L'intervista per la quarta conferenza di Young Doctors for Science

La mente e il corpo.

Con Cartesio inizia il tentativo di conciliare il principio pensante con il principio esteso. Nel quarto appuntamento di Young Doctors for Science 3 si parla proprio di fenomenologia, un interessante tema che riguarda il complesso dibattito sul problema della relazione tra mente e corpo e la riflessione sui fondamenti della scienza.
Medicina, epistemologia, neuroscienza, non potete mancare alla prossima conferenza se volete conoscere un argomento probabilmente tanto sconosciuto alla maggioranza quanto affascinante.

Mercoledì 26 Marzo, ore 21, al Civico Planetario "F. Martino" di Modena Omar Timothy Khachouf ci sorprenderà piacevolmente con le riflessioni sui fondamenti della scienza e del dibattito che avviene da secoli sul tentativo di avvicinamento tra la mente e il corpo.

Omar Timothy Khachouf è ormai alle fasi finali della sua carriera universitaria, alla facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università di Modena e Reggio Emilia. Da anni si occupa di epistemologia, una passione nata prima come studio dei fondamenti metafisici della scienza fisica e progressivamente spostatasi verso le neuroscienze. Proprio per assecondare questa sua passione ha partecipato a ben 6 scuole estive di Filosofia dei fondamenti della Fisica.
Per non farsi mancare proprio niente, ormai da tre anni interno presso la sezione di Neurofisiologia, si sta avvicinando alla ricerca, non solo sperimentale con la partecipazione a uno studio di risonanza magnetica funzionale sui correlati neurali dell'investimento mentale di energia, ma anche teorica, con lo studio e l'esplorazione attiva delle idee filosofiche di Francisco Varela nel contesto del dibattito sulla coscienza.
Le premesse promettono una serata davvero interessante. Non mancate!





Vi ricordiamo che mercoledì potete seguirci live su Twitter #ydfs3 @inco_scienza



venerdì 14 marzo 2014

L'intervista per il terzo appuntamento di Young Doctors for Science

Supercomputer, questi sconosciuti?

Pare proprio di no, o almeno in qualche modo li sfruttiamo ma non lo sappiamo.
Che cosa sono e cosa fanno i supercomputer? Perché si usano e come lavorano? Se alla parola supercomputer associate un supereroe, forse la conferenza che terrà Eric Pascolo per il terzo appuntamento di Young Doctors for Science 3 fa al caso vostro.

Non siete ancora convinti? Ascoltate cosa ci ha raccontato Eric durante la nostra intervista e non mancate al prossimo appuntamento, mercoledì 19 Marzo ore 21 al Civico Planetario di Modena.



                  


Come tradizione, qualche notizia sul relatore di questa settimana.
Eric Pascolo è socio fondatore e Presidente dell'Associazione Culturale inco.Scienza, nonché ideatore del progetto Young Doctors for Science. La scienza e la sua comunicazione sono sempre state tra i suoi interessi, e infatti fin dai primi anni di università Eric si dedica a progetti di didattica e divulgazione per bambini e ragazzi.
A questa bellissima passione associa il suo interesse per la fisica. Iscritto alla laurea magistrale in fisica applicata presso l'Università di Bologna ci dice che la fisica pura è bellissima, ma è molto più interessato alle sue utili applicazioni! Proprio per questo ha scelto di portare a termine la tesi di laurea in CINECA, occupandosi del mondo dei supercomputer e del calcolo parallelo.
Solo fisica e scienza? Certo che no. Eric è un appassionato di viaggi e un bravissimo fotografo. Non ci credete? Provate a visitare la sua galleria fotografica!







venerdì 7 marzo 2014

L'intervista della seconda conferenza di Young Doctors for Science

Se vi è piaciuto il primo appuntamento di Young Doctors for Science 3, alla ricerca della materia oscura, abbiamo altri interessanti argomenti in serbo per i prossimi mercoledì.

Il secondo appuntamento è con Andrea Malmusi, che ci parlerà di inquinamento ambientale. Volete saperne di più? Ascoltate cosa ci ha raccontato durante l'intervista...e non perdete l'appuntamento di mercoledì 12 marzo al Civico Planetario di Modena!

Prima di tutto però conosciamo il giovane relatore.
Chissà se invece di un promettente dottorando in chimica avremmo potuto vedere Andrea Malmusi gareggiare al fianco di Usain Bolt. Andrea ha infatti praticato atletica leggera per dieci anni alla Polisportiva di Castelfranco Emilia, ma ha poi deciso di concentrare tutte le sue energie a studiare Chimica Industriale all'Università di Bologna. Laureatosi brillantemente ha proseguito con il Dottorato nel gruppo "sviluppo processi catalitici" del Dipartimento di Chimica Industriale della stessa Università.
Resta però uno sportivo con la passione per la montagna e, anche se gli studi lo impegnano moltissimo, riesce sia in inverno sia in estate a raggiungere le Alpi o gli Appennini. Se volete qualche consiglio sulle zone di Croce Arcana, lago Scaffaiolo e le cascate del Dardagna potete chiedere a lui, sarà felice di darvi qualche dritta su queste splendide località.
A proposito, forse lo avrete visto qualche volta sui mezzi della Croce Blu di  Castelfranco Emilia.


                           


Ricordatevi che durante le conferenze potrete seguirci su Twitter con l'hastag #ydfs3.
Vi aspettiamo numerosi.